Archivi categoria: I protagonisti del NebbiaGialla 2009

Giancarlo Oliani

Giancarlo Oliani, classe 56, scrittore e Giornalista della Gazzetta di Mantova. Ha pubblicato
Ti amo da morire e nel 2005 Delitti di Provincia, entrambi editi da Editoriale Sometti.
Links:
Recensione di Ti amo da morire
Giancarlo Oliani in pillole

Andrea Vitali

Andrea Vitali (5.2.1956) è nato a Bellano (LC) dove tuttora vive, esercita come medico di base e trae ispirazione per le sue storie. Fin da ragazzo voleva diventare giornalista e scrittore, ma per volere del padre ha dovuto prima conseguire la laurea in medicina. Ha esordito nella narrativa nel 1990 con Il procuratore. Sono seguiti Il meccanico Landru, 1992; L’ombra di Marinetti, 1995 (premio Piero Chiara 1996), L’aria del lago, 2001; Una finestra vista lago, 2003; La signorina Tecla Manzi, 2004; La figlia del podestà, 2005; Olive comprese, 2006; Il segreto di Ortelia, 2007; La Modista, 2008, il giallo “per caso” Dopo lunga e penosa malattia, 2008. A fine febbraio 2009 è prevista l’uscita del nuovo romanzo Almeno il cappello, storia inventata della banda bellanese. Ha vinto quasi tutti i più importanti premi letterari quali il Premio Chiara, il Grinzane Cavour, il Bruno Gioffrè, il Dessì, il Montblanc e il Bancarella, il Premio Hemingway e il Premio Boccaccio. Più di un milione di copie vendute, i suoi libri sono stati tradotti in Francia, Germania, Serbia, Grecia, Romania, Portogallo, Olanda, Belgio e Spagna. E’ un appassionato lettore e scrive recensioni e racconti per alcuni quotidiani e settimanali italiani e della Svizzera Italiana. Viene spesso indicato come il successore di Piero Chiara. Anche se entrambi ambientano le storie sul proprio lago, utilizzando la lingua parlata e una ricercata onomastica per i propri personaggi, Vitali è più cronista ironico e osservatore distaccato.

Links:

Interviste all’autore
Andrea Vitali su WhiteSide
Recensione de Il segreto di Ortelia
Recensione di Olive comprese

Valerio Varesi

Valerio Varesi, torinese di nascita, vive a Parma. Nel 1985 ha iniziato a scrivere su giornali e riviste pubblicando anche racconti in raccolte collettive. Dopo essere stato corrispondente da Parma per La Stampa e La Repubblica, nell’87 ha lavorato alla Gazzetta di Parma e nel ’90 è passato alla redazione bolognese di La Repubblica. La prima pubblicazione è del 1998, un romanzo giallo, Ultime notizie di una fuga liberamente tratto dalla vicenda Carretta. Nel 2000 è uscito Bersaglio, l’oblio con il quale è stato finalista al festival del noir di Courmayeur e al premio Fedeli, organizzato a Bologna dal Siulp. Assieme a una decina di altri autori (tra i quali Macchiavelli, Manfredi, Barbolini e Pederiali), ha pubblicato Aelia Laelia Crispis, una raccolta di racconti ispirati a una misteriosa lapide bolognese. Nel 2002 è uscito Il cineclub del mistero. Sono seguiti alcuni romanzi con l’ispettore Soneri protagonista: L’Affittacamere, Il Fiume delle nebbie, Le Ombre di Montelupo, A mani vuote, Oro, incenso e polvere e La casa del comandante. Al di fuori della “serie” legata all’ispettore Soneri, nel 2007 è uscito il romanzo Le Imperfezioni.
Il romanzo Oro, incenso e polvere ha vinto il Premio Franco Fedeli e il Premio del Giallo e del Noir Mediterraneo.
Il commissario Soneri, protagonista dei romanzi di Varesi, con il volto di Luca Barbareschi è approdato in Tv nella serie di sceneggiati Nebbie e Delitti su Rai Due nel novembre 2005.

Libri

La casa del comandante (Frassinelli, 2008 )
Le imperfezioni (Frassinelli, 2007 )
Oro, incenso e polvere (Frassinelli, 2007)
A mani vuote (Frassinelli, 2006 )
Le ombre di Montelupo (Frassinelli, 2005 )
L’affittacamere (Frassinelli, 2004 )
Il fiume delle nebbie (Frassinelli, 2003)
Il cineclub del mistero (Passigli, 2002 )
Il bersaglio, l’oblio (Diabasis, 2000 )

Links
Videosaluto su MilanoNera
Intervista all’autore
Recensione di A mani vuote

Margherita Oggero

Margherita Oggero, ex insegnante di lettere (per alcuni decenni, dalle medie ai licei), è nata e vive a Torino. Nel 2002 pubblica il suo primo romanzo La collega tatuata, da cui è stato tratto il fortunato film Se devo essere sincera, regia di Davide Ferrario, con Luciana Littizzetto e Neri Marcorè.
Sono seguiti, con altrettanto successo di pubblico, i romanzi Una piccola bestia ferita (2003), L’amica americana (2005), e Qualcosa da tenere per sé, (2007), tutti con protagonista la professoressa investigatrice Camilla Baudino.
Per la Rai ha scritto i soggetti della fortunata serie Provaci ancora prof, ispirata ai suoi libri, con Veronica Pivetti come attrice protagonista.

Libri

Il rosso attira lo sguardo. Quattro stagioni di relazioni pericolose (Mondadori, 2008 )
Ogoglio di classe. Piccolo manuale di autostima per la scuola italiana e chi la frequenta (Mondadori, 2008 )
Qualcosa da tenere per sé (Mondadori, 2007 )
L’amica americana (Mondadori, 2006 )
Così parlo il nano da giardino (Einaudi, 2006 )
Una piccola bestia ferita (Mondadori 2003 )
La collega tatuata ( Mondadori, 2002)

Links
Margherita Oggero in Pillole
Intervista su Milanonera numero 3 (pag.4)
Recensione di Il rosso attira lo sguardo
Recensione di L’amica americana

Patrick Fogli

Patrick Fogli è nato a Bologna nel 1971 dove vive ed è ingegnere elettronico. Milanista suo malgrado, appassionato di cinema, di tennis, della musica di Bruce Springsteen e degli U2, divide la giornata fra la realizzazione di software gestionale, siti web e la scrittura.
Per Piemme ha pubblicato due romanzi, Lentamente prima di morire e L’ultima estate di innocenza. Per Alberto Perdisa editore, la novella Fragile, prequel di Lentamente prima di morire. Lo scorso settembre è uscito il suo nuovo romanzo, Il tempo infranto

Libri:
Il tempo infranto (Piemme, 2008 )
L’ultima estate d’innocenza (Piemme, 2007)
Lentamente prima di morire (Piemme, 2006 )

Links:
Intervista all’autore
Recensione de L’ultima estate d’innocenza

Antonella Beccaria

Antonella Beccaria, ha pubblicato per Stampa Alternativa Uno bianca e trame nere – Cronaca di un periodo di terrore (2007), Bambini di Satana – Processo al diavolo: i reati mai commessi di Marco Dimitri (2006) e NoSCOpyright – Storie di malaffare nella società dell’informazione (2004). Curatrice dell’antologia Creative Commons in Noir uscita nel 2008 nella collana Millelire, collabora con le riviste MilanoNera, Thriller Magazine e Carmilla e il suo testo Uno bianca: ombre su sette anni di terrore è stato incluso nel catalogo della mostra L’arte e la cultura parlano di Omissis. Ha tradotto diversi saggi sulla cultura della Rete. Dal 2006 segue quotidianamente il blog di Stampa Alternativa, Fronte della Comunicazione.

Libri:

Uno bianca e trame nere (Stampa Alternativa, 2007 )
Bambini di Satana – Processo al diavolo: i reati mai commessi di Marco Dimitri (Stampa Alternativa, 2006 )
NoSCOpyright – Storie di malaffare nella società dell’informazione (Stampa Alternativa, 2004 )

Links:
Blog dell’autrice
Intervista su MilanoNera

Simona Mammano

Simona Mammano, assistente capo della polizia di stato, è iscritta attualmente al sindacato SILP-CGIL e in passato ha collaborato come quadro sindacale del Siulp di Bologna curando dal 1997 il premio Franco Fedeli, assegnato al miglior libro poliziesco italiano. Ha pubblicato nel 2007 nell’antologia La legge dei figli, edito da Meridiano Zero, il racconto Diaz. Scrive per la pagina dei libri di Repubblica Bologna, Polizia e Democrazia, Thriller Magazine e Delitti di carta.