Archivi categoria: Uncategorized

NebbiaGialla 2013: giorno #1

Dopo la neve della passata edizione, la nebbia è stata protagonista della serata inaugurale della settima edizione del NebbiaGialla. 
Un inizio col botto (e con lambrusco) grazie alla presenza di quattro grossi “calibri” del noir: i “toscanacci” del giallo Marco Malvaldi e Francesco Recami, l’autore di meravigliose storie di avventure Marco Buticchi e Luca Crovi.
Si scopre così che il simpatico Malvaldi, ha iniziato a scrivere perché non avrebbe avuto successo né come chimico né come tenore e che il barista a cui si è spirato per la creazione del suo “Barrista” esiste realmente e gestisce un piccolo bar a Tirrenia e persegue la cultura purché inutile.
Ci si stupisce che in tempi non sospetti Marco Buticchi abbia iniziato la sua carriera di scrittore autopubblicando i suoi libri e che, ad ogni premio letterario, come gesto scaramantico, porti con sè una valigia piena dei suoi libri. O che per Francesco Recami scrivere gialli non significa intrattenere le persone con i crimini, e condanna ogni forma di spettacolarizzazione della violenza e svela che “il ragazzo che leggeva Maigret” era un tipico di esempio di plagio a mosaico.
E se Buticchi invidia ai giallisti la capacità di riuscire a tenere alta la tensione narrativa in un arco spazio temporale ristretto, di sicuro i giallisti uomini devono fare i conti con la bravura delle loro colleghe.
Come Lorenza Ghinelli, Marilù Oliva e Angela Capobianchi, vincitrice della scorsa edizione del Premio Nebbiagialla, le tre “Women in noir” che hanno aperto la prima giornata di appuntamento di questa settimana edizione. Convinte sostenitrici del fatto che la letteratura trascende in generi, hanno raccontato al pubblico (numeroso nonostante le condizioni meteorologiche avverse) i loro lavori. E mentre la Ghinelli, scrive storie nere perché “nel nero ci sono tutti i colori”, la Oliva confessa che la salsa e il ritmo latino rappresentano per la sua Guerrera “un miscuglio di cose che la riconciliano con la vita” e la Capobianchi dichiara che la sua intenzione di scrivere un thriller sulla musica le ha permesso di “sciogliere tutti i nodi” della sua vita.
Di Storia e di storie hanno parlato Davide Mosca, Simone Sarasso e Andrea Ballarini mentre Marco Polillo, nella triplice veste di scrittore, editore e Presidente dell’Aie ha fotografato una panoramica sullo stato dell’editoria italiana e del mercato libraio. Un “periodo cupo” per l’editoria internazionale, ma soprattutto per quella italiana che soffre da sempre a causa dell’esiguo numero di lettori. E sul digitale dichiara: ” IVA al 4% e garanzia della protezione del diritto d’autore sono i due presupposti per lo sviluppo del mercato degli ebook in Italia”.

Annunci

Cambio casa

Il blog di NebbiaGialla si è trasferito qui. http://hotmag.me/nebbiagialla

On line le foto della terza edizione del NebbiaGialla

Ecco le foto della manifestazione.

Un reportage sul clima che si respirava in quei giorni è disponibile qui.

Massimo Carlotto

Massimo Carlotto, nato a Padova nel 1956, è uno dei maggiori autori europei di noir, in particolare di quel genere noir mediterraneo che individua in questa area un centro di scontro criminale e politico. Ha esordito nel 1994 con il romanzo Il fuggiasco, che ripercorre la sua vicenda umana. Nel 1995 inizia a La serie dell’Alligatore che comprende: La verità dell’Alligatore, Il mistero di Mangiabarche, Nessuna cortesia all’uscita, Il corriere colombiano e Il maestro di nodi.
Con Nordest, scritto a quattro mani con Marco Videtta ha raggiunto la top ten nelle classifiche di vendita ed è fra i sei vincitori del Premio Selezione Bancarella 2006 e non solo: ha vinto anche il premio Dessi (1999), lo Scerbanenco (2002) e il Lama e trama (2005). E’ tradotto in inglese, francese, tedesco e spagnolo.
Carlotto è anche autore teatrale, sceneggiatore e collabora con quotidiani, riviste. Nel 2007, Laurent Lombard, ha scritto una raccolta di saggi e scritti Massimo Carlotto. Interventi sullo scrittore e la sua opera.
Libri:

Perdas de fogu (E/O, 2008 )
Cristiani di Allah (E/O, 2008 )
L’alligatore (E/O, 2007 )
Mi fido di te, con Francesca Abate (Einaudi, 2007 )
Dimmi che non vuoi morire (Mondadori, 2007 )
La terra dell’anima mia (E/O, 2006)
Niente più niente al mondo (E/O, 2004)
L’oscura immensità della morte (E/O, 2004 )
Il maestro di nodi (E/O, 2002 )
Arrivederci amore ciao (E/O, 2001 )
Il corriere colombiano (E/O, 2001 )
Nessuna cortesia all’uscita (E/O, 2000 )
Le irregolari (E/O, 1999 )
Il mistero di mangiabarche (E/O, 1997 )
La verità dell’alligatore (E/O, 1995 )
Il fuggiasco (E/O, 1994 )

Links:
Recensione di Perdas de fogu su MilanoNera
http://www.milanonera.com/?p=1332 Interviste su MilanoNera
Recensione di Cristiani di Allah su MilanoNera


Gli eoi del noir: le verità dell’Alligatore su MilanoNera

Recensione di Niente più niente al mondo
Recensione di Dimmi che non vuoi morire
Recensione di La terra dell’anima mia

Luigi Guicciardi

Modenese, Luigi Guicciardi insegna italiano e latino in un liceo. Critico letterario, ha anche pubblicato diversi saggi oltre a due raccolte di racconti: Straniero agli altri e Errore di prospettiva. Nel 1999 è uscito il suo primo giallo, La calda estate del Commissario Cataldo, un whodunit made in Italy che ha raggiunto un apprezzabile successo. Finalista del Premio Scerbanenco, ha vinto il Premio Ponticello e la traduzione in tedesco è stata contesa dalle più importanti case editrici. Il secondo della serie, Filastrocca di sangue per il Commissario Cataldo pubblicato nel 2000, è anch’esso stato finalista del Premio Scerbanenco.
Libri:
Errore di prospettiva ( Hobby & Work Publishing, 2008 )
Occhi nel buio  ( Hobby & Work Publishing ,2008 )
Dipinto nel sangue  ( Hobby & Work Publishing,2007)
Relazioni pericolose per il commissario Cataldo ( Piemme,2001)
Filastrocca di sangue per il commissario Cataldo (Piemme, 2000)
La calda estate del commissario Cataldo ( Piemme, 1999)
Link:
Recensione su MilanoNera
Videosaluto su MilanoNera

Luigi Bernardi

Luigi Bernardi è nato nel 1953, a Ozzano dell’Emilia. Ha creato e diretto case editrici (L’Isola Trovata, Glénat Italia, Granata Press), riviste (Orient Express, Nova Express) e collane di libri (EuroNoir, Vox, Stile Libero Noir, Babele Suite). Ha tradotto decine di fumetti e alcuni romanzi francesi. Attualmente è scrittore e consulente editoriale.
Ha scritto alcuni libri sui rapporti fra crimine e contemporaneità, fra i quali: A sangue caldo (DeriveApprodi, 2001), Pallottole vaganti (DeriveApprodi 2002), Il male stanco (Zona 2003).
Come narratore ha pubblicato un libro per ragazzi, tre raccolte di racconti, i romanzi Tutta quell’acqua (Dario Flaccovio, 2004) e Senza luce (Perdisa Pop, 2008); la trilogia di storie criminali Atlante freddo (Zona, 2006) e il libro illustrato da Onofrio Catacchio Gaijin! (Black Velvet, 2006). Suoi racconti sono presenti in numerose antologie.
Per il teatro ha scritto: Colpevole (2003), La conta (2005, nuova edizione 2008), Gaijin! (2006) e I tempi stanno per cambiare (2007), quest’ultimo insieme a Rosario Palazzolo.
Per il fumetto ha sceneggiato la trilogia Non temerai altro male, disegni di Catacchio (primo volume Habemus Fantomas, edizioni BD, 2008), le tavole Le domeniche del Gaijin (sempre con Catacchio) e il romanzo grafico Carriera criminale di Clelia C., disegni di Grazia Lobaccaro, in produzione.
Vive e lavora a Bologna, di cui ha raccontato storie e memoria in: Macchie di rosso (Zona, 2002).

Link:
sito internet dell’autore
Intervista su Milanonera